Nullo il recesso del datore dal patto di non concorrenza.

Con l’ordinanza n. 10535 del 03.06.2020, la Cassazione afferma che la previsione della risoluzione del patto di non concorrenza post-contrattuale rimessa unicamente all’arbitrio del datore di lavoro concreta una clausola nulla per contrasto con norme imperative.
Corte di Cassazione, ordinanza n. 10535 del 03.06.2020.

0 Comments

Leave a reply

©2019 HR CAMELOT
Contatti | Privacy Policy | Termini e Condizioni


Proudly packaged by
be2be

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account